Una delibera, che ora passerà al vaglio della Regione, vieta moda low cost o souvenir di bassa gamma “made in China”. Chi vorrà aprire un negozio dovrà tutelare e valorizzare il patrimonio culturale della città per non farle perdere “la sua autentica identità”.



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml