Per tutta la settimana, Tredici Pietro è stato ospite di Moko a 105 Trap!

Pietro è uno dei rapper più giovani del momento. Ci pensa al fatto di avere iniziato da giovanissimo? “Sì, ci penso. Anche i rapper della scorsa generazione sono usciti a 25, 26 anni, già giovani adulti. Oggi ci sono molti più minorenni, io stesso ho iniziato a 21 anni, ora ne ho 22″ e poi ha aggiunto: “Ci si prova. Ho provato a infilare gli scappati che conoscevo, i miei amici.”

Insieme al rapper c’era anche Mr Monkey, il suo producer, ma anche suo amico: “La svolta è avere un producer non solo legato all’hip hop. Spesso i producer sono non musicisti che ti danno un’influenza rap. Io invece collaboro a stretto contatto con Mr Monkey. Questa alchimia dura da circa due anni, siamo delle due periferie opposte di Bologna e abitiamo ancora là.”

Pietro crede di essere stato aiutato dal fatto di essere il figlio di Gianni Morandi? “Chiaro che ha portato il nome. Dopo di me ci sono stati vari figli di, però se non va non va. Chiaro che aiuta, ma se il pezzo non va non va. È una fortuna comunque. C’è una parte che ti fa soffrire, l’odio e la non comprensione della gente, lo sapevo a cosa sarei andato incontro.” 

Guarda il video per ascoltare cosa ha raccontato Tredici Pietro ai microfoni di 105 Trap!





Source link