E’ ritornata a “casa” in Francia, nell’area del Verdon, la femmina di avvoltoio monaco (Aegypius monachus) in cura presso il Centro Recupero Animali Selvatici WWF di Vanzago (Milano). Ritrovata la scorsa settimana in provincia di Como, stremata per la scarsa alimentazione, è stata curata dai volontari WWF sotto la direzione del veterinario del centro, Stefano Raimondi.
Il Progetto sull’avvoltoio monaco è seguito da Voltures Conservation Foundation che si sta impegnando, grazie al contributo dell’Unione Europea, a salvaguardare diverse specie di avvoltoi a rischio estinzione in tutta Europa.
I responsabili del Progetto hanno preso in consegna, presso il “Bosco WWF di Vanzago”, il raro animale per riportarlo al centro dove è in corso la reintroduzione grazie anche alla realizzazione di “carnai” nel territorio considerato adatto a una auspicata riproduzione.
I ricercatori d’oltralpe, nel ringraziare i volontari e lo staff del Centro Recupero Animali Selvatici del WWF, hanno illustrato, prima di ripartire per la Francia, come sta progredendo il Progetto sull’Avvoltoio Monaco è i risultati ottenuti sino adesso.
Il WWF è impegnato in prima persona con il Progetto ConRaSi per la tuterla dei rapaci rari in Sicilia.