Reggio Calabria: l’uomo, un filippino di 43 anni, avrebbe premeditato il delitto: riteneva la vittima responsabile della sua dipendenza dal gioco e delle sue perdite economiche. Aveva portato con sé l’arma e i vestiti di ricambio



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml