Pescati dai pescatori tarantini, gli esemplari della specie protette sarebbero venduti per pochi euro al chilo ai commercianti asiatici, che alla fine della filiera li rivendono a prezzi elevatissimi attraverso le chat: la denuncia dell’ambientalista Luciano Manna



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml