Accordo Stato-Regioni: si va dall'”1″ per i casi più gravi, al 5 per la “non urgenza”. Stabiliti anche i tempi massimi di attesa. Perplessità da parte della Società italiana di medicina d’urgenza: “Il vero problema è che nelle strutture di prima assistenza mancano all’appello…



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml