Le motivazioni con cui la Suprema Corte ha annullato senza rinvio la sentenza di appello che condannava l’ex sindaco di Roma, imputato per peculato e falso per la rendicontazione di alcune cene pagate con la carta di credito del Campidoglio “perché il fatto non sussiste”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml