Simona Amodio è accusata di aver rivelato notizie coperto dal segreto a un imprenditore vicino ai clan. Condanne anche il compagno, Angelo Nalci, all’epoca dei fatti addetto all’ufficio scorte della questura e per un altro agente di polizia



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml