Con 386 sì e nessun contrario la proposta di legge passa ora al Senato: prevede che l’assegno verrà cancellato in caso di nuovo matrimonio e non sarà più legato solo al reddito ma anche al patrimonio, all’età e alla condizione lavorativa del richiedente



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml