Sono trenta gli indagati tra medici e dipendenti: uscivano per svolgere attività private dopo aver timbrato il cartellino oppure non andavano a lavorare e risultavano in servizio facendo timbrare il cartellino da altre persone



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml