I Cordì possedevano cantieri, negozi, il mercato del pane e persino il cimitero. L’operazione è partita dalle denunce di imprenditori e pubblici amministratore. Il procuratore: “La gente non ne poteva più: avevano superato il limite”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml