Portavano droghe e vino ai detenuti delle cosche, e consentivano loro di comunicare con l’esterno per sviare le indagini. Incastrati grazie ai pentiti



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml