L’armatore della “Accursio Giarratano”: “Lo facciamo sempre, anche come omaggio alla memoria di mio figlio”. Le autorità di La Valletta non hanno dato il “porto sicuro”, i disperati presi a bordo da una motovedetta arrivata da Lampedusa



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml