La guardia costera di Roma contattata invita a lasciali a alle motovedette di Tripoli. L’Ong italiana ha una barca a vela e non puo caricare i sopravvissuti tra i quali donne e bambini: “Non fateli tornare in Libia dove bombardano i centri di accoglienza” 



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml