Il superlatitante non è mai stato al vertice della mafia siciliana, ma controlla solo il Trapanese. E oggi gli investigatori credono che non ci sia un padrino supremo. Perché lo Stato impedisce alle famiglie palermitane di riorganizzarsi



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml