A chiederlo il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che esprime preoccupazione “anche per il basso numero di indagini e azioni penali da parte della magistratura italiana”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml