Le scuse della compagnia: “Non volevamo offendere. Abbiamo capito che era una promozione profondamente sbagliata”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml