Commovente collegamento via Skype tra chi, nel 1944, conobbe gli otto militari americani prima della strage, e la famiglia di uno di loro. “Avete fatto una cosa immensa. Grazie”. E spunta un libricino con i fori dei proiettili.



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml