Il fondatore del Family day “sostenne che tra le 58 identità di genere approvate dall’associazione, e tra cui era possibile optare su Facebook per connotare il proprio profilo, vi fosse anche la pedofilia”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml