Il delitto della ragazzina di 14 anni nel 2002, per la procura di Brescia si è trattato di un atto intimidatorio. La famiglia ha chiesto di indagare ancora, mentre l’unico adulto in carcere per l’omicidio vuole la revisione del processo



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml