La telefonata al 118, i soccorsi, le prime ipotesi successivamente smentite. Poi il processo mediatico, la condanna in primo grado e quella – ridotta – in appello.



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml