La sezione disciplinare ha ritenuto il magistrato responsabile del solo addebito della “scorrettezza” nei riguardi del procuratore Fragliasso, escludendola invece nei confronti dei pm di Roma. La difesa: “Ricorreremo in Cassazione”



http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml