Dopo il grande interesse degli anni passati, torna la quinta edizione del corso di formazione di Libera e WWF, aperto ai volontari interessati alla realizzazione di interventi di tipo ecologico e artistico nelle terre confiscate alle mafie. Grazie a queste attività, il sistema dei terreni confiscati alle mafie, in buona parte oggi gestiti dalle Cooperative di Libera, ha acquisito negli anni una forte caratterizzazione, così da essere anche promosso in ambito locale e nazionale come un insieme di luoghi di grande interesse per la conservazione del paesaggio e della biodiversità, oltre che di forte stimolo per la creatività e la ricerca artistica. 
Chi deciderà di iscriversi potrà partecipare a 8 incontri, che si terranno di sabato, una volta al mese, da ottobre 2019 a maggio 2020 e che si svolgeranno all’Oasi WWF Stagni di Focognano a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze. A una breve parte di teoria, durante gli incontri, seguiranno attività pratiche su campo. L’Oasi WWF Stagni di Focognano è un caso unico nel panorama nazionale, perché frutto di uno straordinario progetto di costruzione di nuovi habitat di forte interesse paesaggistico e naturalistico a partire da una situazione territoriale poverissima, dovuta alla presenza di campi coltivati con metodi estensivi. 
Le attività di formazione si svolgeranno sotto la direzione del biologo e responsabile del progetto, Carlo Scoccianti e l’invito è rivolto sia a chi opera nel settore naturalistico o artistico, sia a studenti, volontari, appassionati e cultori di queste materie che desiderano dare un proprio contributo per la tutela del territorio e contrastando l’illegalità. 
 

Come partecipare

Per partecipare a questa iniziativa occorre inviare questa scheda di preadesione alla mail: toscana@libera.it 
È possibile partecipare singolarmente o a gruppi e le attività saranno organizzate in modo da poter prendere parte ai lavori pratici su campo insieme al gruppo di esperti e volontari che da anni gestiscono l’Oasi di Focognano.